Percorso multimediale sulla natura con effetti 4D

Vox Horti: visioni nella casa del parco

L'allestimento

Un museo, nato a fine Ottocento come luogo per la valorizzazione della natura, che dopo decenni di abbandono si rinnova proponendo un percorso multimediale sull’ambiente con grandi proiezioni, videomapping, labirinti, effetti in 4D, giochi di suoni, scenografie digitali. E’ questa l’anima di “Vox Horti” l’allestimento originale del Museo Meina che propone attraverso gli occhi di una bambina alla ricerca del proprio nome, un viaggio virtuale sulla natura. Per comprendere come questa sia stata valorizzata da poeti, artisti, scienziati e come sia stata interpretata nei secoli tra credenze popolari e leggende.

Il percorso multimediale è in lingua italiana e ha una durata di 45 minuti (una volta avviato non è interrompibile). L’ingresso avviene a gruppi di 10 persone ogni 15 minuti.

Con bambini? Dai 6-7 anni

Se hai dei bambini, consigliamo questa esperienza multimediale dai 6 – 7 anni in su.
I bambini coglieranno solo alcuni contenuti: potrà essere visto come un grande racconto sulla natura tra sorprendenti effetti e buffi personaggi alla ricerca del nome perduto in un “mondo incantato”.

Apertura al pubblico del percorso: ogni sabato e domenica

Consigliata la prenotazione cliccando qui
Per scuole e gruppi organizzati, visitabile anche in settimana, previo contatto con la segreteria

Tra citazioni e celebri personaggi

Il percorso multimediale ha molteplici chiavi di lettura. Ragazzi e adulti riconosceranno una serie di citazioni letterarie, scientifiche, storiche, artistiche legate al rapporto uomo-natura.  

Attraverso diverse metafore vissute con gli occhi di una bambina, si potranno conoscere: le visioni letterarie del parco e dei giardini avute da scrittori quali Shakespeare e Cervantes; dell’arte con spunti da varie opere (Arcimboldo, Millais, Gazzera, Boccioni e altri artisti che hanno frequentato il Lago Maggiore);
 tematiche attuali quali il rispetto dell’ambiente e l’estetica del paesaggioIn una serie di intrecci enigmatici, la bambina (che rappresenta la natura stessa) porterà all’attenzione del visitatore i molti spunti che il mondo del parco offre.

Effetti e visioni digitali

Il nostro percorso museale è interamente multimediale. Un linguaggio accattivante per gli adulti e per i bambini che “veste”  gli ambienti del Museo catapultandovi in un ecosistema virtuale. Ciascuna delle sale è allestita con scenografie ad hoc e con le più moderne tecnologie digitali. Sul vostro cammino incontrerete ologrammi, grandi proiezioni architetturali, videomapping, esperienze con effetti ambientali 4D (come profumi, vento e giochi di luce).  

Questa innovativa modalità di narrazione è al servizio del contenuto che Vox Horti propone. Così degli ambienti apparentemente spogli si animano. Durante il percorso multimediale incontrerete anche le rappresentazioni di alcuni tra i più significativi dipinti sulla natura (come Ophelia di Millais o le teste Arcimboldo). A questi personaggi abbiamo dato un’anima propria:

In uno chalet ricco di storia

Vox Horti è allestito all’interno dello Chalet-museo di Villa Faraggiana a Meina. Si tratta di un grazioso edificio liberty, finemente decorato, fatto costruire fine Ottocento come museo personale della omonima famiglia. E’ circondato da un grande parco (oggi interattivo) situato al fianco della grande residenza estiva che un tempo accoglieva illustri personaggi.

In origine il museo ospitava una collezione di animali impagliati, frutto dei safari di esplorazione di alcuni membri della famiglia. Oggi, dopo decenni di chiusura, orfano della sua collezione originale, la Fondazione UniversiCà lo ha rivitalizzato e in sintonia con la passione per il verde della Famiglia Faraggiana ha allestito il percorso multimediale Vox Horti.

Questo sito utilizza i cookie per una migliore esperienza di navigazione. Ne accetti l'uso continuando a navigare o cliccando prosegui . Maggiori informazioni

Informazioni relative ai cookies ai sensi degli artt. 122, coma 1 e 154, comma 1, lett. h) del DLgs. n. 196/2003 e del provvedimento dell’Autorità Garante in data 8 maggio 2014. Il sito del Museo Meina utilizza una tecnologia comunemente denominata "cookies" per gestire il sito web e assicurare le funzionalità che ci si aspetta durante la visita. I cookies sono piccoli file che inviamo al tuo computer e che vengono poi riletti e riconosciuti dai nostri server nei successivi collegamenti. I cookies, mostrandoci la modalità di navigazione dei nostri utenti sul sito, ci forniscono informazioni grazie alle quali possiamo rendere l'esperienza di navigazione più agevole ed efficiente. Usiamo diverse tipologie di cookies cosiddetti “tecnici”, che non permettono alcuna profilazione dell’utente: - Rilevare la sessione. Viene memorizzata una stringa alfanumerica per tenere traccia della navigazione corrente. Questa informazione è possibile che rimanga nel browser dell'utente ma se ne perde il riferimento alla chiusura del programma. Il sito non utilizza cookie verso aziende terze utilizzati per effettuare del direct marketing o pubblicità mirate. Se desideri eliminare i cookies residenti sul tuo computer, segui le indicazioni sul browser del tuo computer cliccando su "Aiuto". Ricorda che cancellando i cookie o disabilitandone l'utilizzo potrebbe compromettere o limitare alcune funzioni di navigazione e consultazione del sito. Altre informazioni: http://www.allaboutcookies.org

Chiudi